Ma quale miracolo – Negramaro

SIGNIFICATO

INTERPRETAZIONE #1

La rivoluzione è arrivata, a fine settembre 2015. Continuiamo su significatocanzoni.it ad analizzare ed interpretare i brani dell’ultimo album dei Negramaro: dopo Attenta e Sei tu la mia città, oggi parliamo del brano Ma quale miracolo. “La cover è una Jolly Roger rivisitata in chiave Negramaro. È un logo immediato e di forte impatto, sintetizza due stati d’animo opposti: la felicità della vita e la paura della morte“: per capire il significato di questo brano bisogna partire da questa affermazione della band, a descrizione generale dell’album. In Ma quale miracolo viene descritta questa dinamica degli opposti, la vita e la morte, la felicità e la paura, la speranza e la disperazione, in una ricerca di senso che, con lo scorrere del testo, va sempre di più in profondità. Il brano si chiede, senza utilizzare immagini o mezzi termini, dove stia la verità: indaga sui meccanismi della verità, per cercare di scoprire che cosa si cela dietro. Da qui il titolo: ma quale miracolo? Il miracolo che sembra pervadere tutto l’Universo in un alone di mistero, al quale ci si può aggrappare senza chiedersi il perchè, oppure con il quale ci si può confrontare.

I Negramaro danno la loro interpretazione di questo brano, in un’intervista rilasciata ai fan: “In Ma quale miracolo mi pongo delle domande. Che strano pensare al miracolo. Perché vogliamo credere a un miracolo? Il miracolo siamo noi e già questo basta. Il miracolo è ciò che riusciamo a fare con la nostra volontà nel posto dei santi. Un posto perfettibile, dove non ci sarà mai la perfezione, eppure già solo avvicinarsi, cercarla e volere la felicità è un miracolo. Voler credere in un miracolo non è questione di fede, è portare al centro e credere nella macchina perfetta che è l’uomo. Un software perfetto: non c’è tecnologia superiore, se ci pensiamo.”

Vuoi dare anche tu una interpretazione diversa a questa canzone? Inviala a
significatocanzoni@gmail.com
la pubblicheremo a tuo nome oppure lascia semplicemente un commento in fondo al post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website.
Ok