Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!



Lazzaro – Subsonica

 

SIGNIFICATO

INTERPRETAZIONE #1 

Dopo diversi anni di assenza, nel 2014 tornano i Subsonica con il singolo Lazzaro, un pezzo intenso, elettronico e perfettamente in stile con il loro modo di interpretare la musica. Il brano prende in esempio la storia di Lazzaro, che ritorna miracolosamente alla vita dopo essere morto e chiuso nel sepolcro da alcuni giorni.
Lazzaro inizia con le parole famose pronunciate duemila anni fa per tirarlo fuori dal sepolcro, “alzati e cammina”. Con un’audace aggiunta: “per scoprire di essere vivo come non mai”. Si capisce subito che il brano non si riferisce alla risurrezione fisica, come per lo stesso Lazzaro, ma una risurrezione dello spirito, della voglia di vivere davvero.
Si parte dalla situazione attuale, in cui viene descritto un uomo che potrebbe essere considerato morto: emozione scaduta, certezza tradita, ambizione svenduta, che crede che nulla abbia più un valore o un senso.
Poi l’esortazione, proveniente da una voce esterna rispetto al protagonista: alzati e cammina, così scoprirai perchè vale la pena vivere. L’esortazione è insistente, la promessa è desiderabile; e il risultato è evidente: la tua vita vuota ora non c’è più, l’unica cosa che resta sei tu. Ognuno è la cosa più importante del mondo, anche se siamo sei miliardi, e la vita di ognuno ha il compito, la possibilità e la fortuna di portare qualcosa di grande.

Nel video è, a ragione, mostrata la differenza tra un mondo in bianco e nero e desolato, e la protagonista femminile che con la sua danza diffonde il suo colore e la sua luce a tutto ciò che incontra.

Vuoi dare anche tu una interpretazione diversa a questa canzone? Inviala a
significatocanzoni@gmail.com
la pubblicheremo a tuo nome oppure lascia semplicemente un commento in fondo al post.
  1. Quando valuto cosa potrei e cosa vorrei fare, per cambiare lavoro; m’immagino con loro, I Subsonica, che cantano o suonano,ma come dei fratelli..come delle parole paterne. Genitoriali. O come degl’insegnanti scolastici.
    Io, per tanti lati e azioni, ho trovato le parole – ma sopratutto i modi di comunicare le parole..! – nella musica.

    Spesso, mi sento in uno modo..e mi viene in mente una canzone “cura”.
    Spesso quindi, viene la pelle d’oca e sono in sintonia con la natura.

    Grazie Subsonica..!

    “Vostro”..

    Daniele Tassini

    “Buona vita”! (Marco Balestri)

    ☺️

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Per maggiori informazioni clicca qui Privacy Policy e qui