Tutti vogliono viaggiare in prima – Ligabue

SIGNIFICATO

INTERPRETAZIONE #1

Questa famosissima canzone di Ligabue, secondo alcuni fonti, vorrebbe  denunciare con sfacciataggine e ironia, il comportamento di tutte quelle persone che pensano di aver trovato una risposta ai loro problemi in un drink, “sprofondati su una poltrona di prima classe”. Leggendo il testo dobbiamo dire però che facilmente si possono dare veramente tantissime interpretazioni diverse della canzone, per esempio altre potrebbero essere:

  • tutti vogliono tutto e non gliene importa niente di come va il mondo, da qui l’ironica domanda del Liga “fuori come va?
  • tutti pensano al proprio tornaconto e se ne sbattono degli altri, anche se fanno finta di sì
  • Tutti vogliono viaggiare in prima e che il viaggio non finisca mai” nel senso che, quando sei con le persone giuste,viaggi in prima per andare piano e far durare al massimo il viaggio.
  • tutti vorrebbero viaggiare in prima classe, ovvero essere ricchi fare i signori, avere il meglio della vita…ma sotto come va? Va che in realtà la vita non è prima classe e se anche tutti vorrebbero stare in prima classe, che dovrebbe essere il posto migliore di tutti, in realtà pochi se non nessuno ci sta

Insomma non essendoci una vera e propria interpretazione della canzone data dallo stesso Ligabue, ognuno può far sua questa canzone e interpretarla nel modo che ritiene migliore e forse è proprio questo lo scopo della canzone: ognuno “viaggia in prima” in modo diverso dagli altri a seconda proprio di cosa lui intenda con “in prima“.

Vuoi dare anche tu una interpretazione diversa a questa canzone? Inviala a
significatocanzoni@gmail.com
la pubblicheremo a tuo nome oppure lascia semplicemente un commento in fondo al post.

Una replica a “Tutti vogliono viaggiare in prima – Ligabue”

  1. Gian ha detto:

    Grazie mill

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website.
Ok