Space Oddity – David Bowie

SIGNIFICATO

INTERPRETAZIONE #1

Space Oddity è un famosissimo singolo di David Bowie, pubblicato nel luglio 1969 come 45 giri. Il suo nome è liberamente ispirato al film 2001: A Space Odyssey di Kubrick e agli avvenimenti che hanno avvicinato l’uomo alla Luna, ovvero le missioni Apollo 8 e Apollo 11 della Nasa, quest’ultima con il primo allunaggio. Il titolo del brano, “Stranezza Spaziale”, è una riflessione sulla condizione degli astronauti nel percorso di avvicinamento e alla Luna; la prospettiva per l’astronauta pioniere è una passeggiata spaziale, durante la quale egli si trova inesorabilmente solo e spaesato davanti all’immensità dello spazio.

Il brano si apre con la partenza del razzo, con l’astronauta chiuso dentro un “barattolo di latta”; alla notizia dell’arrivo a destinazione il mondo è in fermento, e l’astronauta è inconsapevolmente già famoso sulla Terra. Spinto dall’eccitazione per questa prima passeggiata attorno all’astronave, poco prima di aprire il portello per uscire, si guarda attorno e scopre tutto ad un tratto la verità: la Terra è piccola, lontana e blu, intorno è solo silenzio, e l’astronave è comandata da un pilota automatico. In altre parole, nulla è in mano del protagonista, che deve affidarsi completamente.

Nonostante un problema alla radio che rende difficoltosa la comunicazione il protagonista è attratto dalla bellezza che vede dall’oblò e dal misterioso panorama che gli si presenta davanti, e decide di uscire dall’astronave: e non c’è niente che lui possa fare. E’ solo, ma senti di non esserlo per davvero, nonostante sia a centinaia di migliaia di km di distanza.

Vuoi dare anche tu una interpretazione diversa a questa canzone? Inviala a
significatocanzoni@gmail.com
la pubblicheremo a tuo nome oppure lascia semplicemente un commento in fondo al post.

TESTO

Ground Control to Major Tom
Ground Control to Major Tom
Take your protein pills
and put your helmet on

Ground Control to Major Tom
Commencing countdown,
engines on
Check ignition
and may God’s love be with you

(spoken)
Ten, Nine, Eight, Seven, Six, Five, Four, Three, Two, One, Liftoff

This is Ground Control
to Major Tom
You’ve really made the grade
And the papers want to know whose shirts you wear
Now it’s time to leave the capsule
if you dare

This is Major Tom to Ground Control
I’m stepping through the door
And I’m floating
in a most peculiar way
And the stars look very different today

For here
Am I sitting in a tin can
Far above the world
Planet Earth is blue
And there’s nothing I can do

Though I’m past
one hundred thousand miles
I’m feeling very still
And I think my spaceship knows which way to go
Tell my wife I love her very much
she knows

Ground Control to Major Tom
Your circuit’s dead,
there’s something wrong
Can you hear me, Major Tom?
Can you hear me, Major Tom?
Can you hear me, Major Tom?
Can you….

Here am I floating
round my tin can
Far above the Moon
Planet Earth is blue
And there’s nothing I can do.

 

TRADUZIONE

Torre di Controllo a Maggiore Tom,
Torre di Controllo a Maggiore Tom,
Prendi le tue pillole di proteine e mettiti il casco.

Torre di Controllo a Maggiore Tom
comincia il conto alla rovescia,
accendi i motori,
controlla l’accensione
e che Dio ti assista.

(parlato)
Dieci, nove, otto, sette, sei, cinque,
quattro, tre, due, uno, Partenza

Questa è la Torre di Controllo
a Maggiore Tom,
Ce l’hai proprio fatta
E i giornali vogliono sapere che marca di camicia porti
E’ arrivato il momento di lasciare la capsula se te la senti.

Qui è Maggiore Tom a Torre di Controllo,
Sto uscendo dalla porta
E sto galleggiando nello spazio
in modo strano
E le stelle sembrano molto diverse oggi.

Perché
Sto seduto in un barattolo di latta,
Lontano sopra il mondo,
Il pianeta Terra è blu
E non c’è niente che io possa fare.

Malgrado sia lontano
più di centomila miglia,
Mi sento molto tranquillo,
E penso che la mia astronave sappia dove andare
Dite a mia moglie che la amo tanto,
lei lo sa

Torre di Controllo a Maggiore Tom
Il tuo circuito si è spento,
c’è qualcosa che non va
Mi senti, Maggiore Tom?
Mi senti, Maggiore Tom?
Mi senti, Maggiore Tom?
Mi senti……

Sono qui che galleggio
attorno al mio barattolo di latta,
Lontano sopra la Luna,
Il pianeta Terra è blu
E non c’è niente che io possa fare

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

banner
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Per maggiori informazioni clicca qui Privacy Policy e qui