Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!



[TORMENTONE 2011] Price Tag – Jessie J ft B.o.B.

SPIEGAZIONE

 INTERPRETAZIONE #1 (inviata da una nostra lettrice)

Nell’estate 2011 in Italia Jessie J. sfornò il suo primo singolo che da subito divenne un vero e proprio tormentone estivo insieme al già famoso tormentone di inizio estate ‘Danza Kuduro‘.

A prima vista, la canzone trasmette un messaggio nobile: l’amore per la musica vince sull’amore per il denaro. Quale modo migliore per trasmettere questo messaggio rivoluzionario se non attraverso i mass media, ingannevoli che mettono assieme una canzone per la radio reclutando strategicamente uno dei migliori rapper della scena mondiale? Anche se il messaggio della canzone è sulla non-importanza del denaro e sull’individualità, il singolo è ovviamente calcolato in modo da ottenere i massimi ascolti possibili alla radio, mentre costantemente l’artista viene raffigurata come un pupazzo o come un giocattolo durante tutto il video.  Jessie è costantemente raffigurata come una marionetta controllata da gestori invisibili. Potrebbe essere che stia cantando a nome dei suoi manipolatori, l’elite del settore della musica? Negli ultimi dieci anni, l’industria della musica ha attraversato una grande metamorfosi.

Anche se l’industria della musica non fà più tanti soldi come una volta, ha ancora una funzione importante: è un potente strumento per l’indottrinamento di massa. Oggi, nonostante la mancanza di entrate, l’industria continua a spendere milioni per lo sviluppo e la promozione di nuove stelle. Perché? Perché non vi sono più in gioco i soldi. La musica pop è uno strumento per un indottrinamento capillare a livello della scuola o delle notizie quotidiane. Forma e plasma i giovani ad assumere atteggiamenti e valori. Gli artisti pop, naturalmente, generano ricavi per le loro etichette, ma prima ancora di poter iniziare a realizzare questo, devono “scoprire quanto è fonda la tana del bianconiglio”. Devono rappresentare personaggi specifici, glorificare valori specifici ed essere solidali con un ordine del giorno specifico. Se avete letto altri articoli del genere, siete già a conoscenza dell’ordine del giorno che le star attuali promuovono. Sapete anche che sono pedine intercambiabili che spingono tutte verso la stessa direzione. Se una stella perde la sua “magia”, un nuovo volto e una nuova energia riuscirà a riconquistare l’attenzione del pubblico e riorientarlo verso l’ordine del giorno.

Salutata come il “volto nuovo del pop”, Jessie J porta nuova energia al programma degli Illuminati, ma ostendando ripetutamente il simbolo dell’occhio onniscente come tanti altri artisti pop, dimostra di essere un’altra pedina del sistema. Canta il punto di vista delle élite: quest’ultima non ha bisogno del vostro denaro, visto che già possiede la maggior parte delle risorse mondiali. Vuole far ballare il mondo al suo ritmo. Vuole modellare le menti dei giovani in modo da far pensar loro ciò che vuole. Stiamo assistendo a un importante movimento di omogeneizzazione della cultura popolare in cui i media più importanti mandano in scena artisti “pre-approvati”, che sostengono un ordine del giorno “pre-approvato”. C’è un maggiore investimento in gioco: le menti dei giovani. Naturalmente, ci sono delle eccezioni nel settore. Gli artisti ribelli, anti-establishment, hanno sempre attirato tonnellate di tifosi e alcuni riescono ancora ad ottenere qualche successo … ma non con l’aiuto dei mass media. Non più. Il denaro non è l’unica cosa che crea il business.

Vuoi dare anche tu una interpretazione a questa canzone? Inviala a significatocanzoni@gmail.com la pubblicheremo a tuo nome.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Per maggiori informazioni clicca qui Privacy Policy e qui