Just give me a reason – P!nk ft. Nate Ruess

SIGNIFICATO

INTERPRETAZIONE #1

Durante un’intervista, la stessa P!nk parlò di questa canzone, spiegando in modo assolutamente originale di come ciò di cui parli il testo, nasca da una banale discussione riguardo il burro! Sì, avete letto bene: la cantante spiegò che la canzone trattava di come anche i più piccoli comportamenti di fronte a cose banali, siano segnali di qualcosa che non va in una relazione tra due persone. In questo senso P!nk disse:“Qualche volta in una relazione tu puoi dire al tuo ragazzo una cosa del tipo “Il mio modo con cui tu mi hai passato il burro questa mattina è un segnale di come ci sia qualcosa che non va tra di noi, tra un mese potrebbe essere finita, dobbiamo parlare” e il tuo ragazzo potrebbe rispondere una cosa del tipo “Ti ho semplicemente passato il tuo cazzo di burro, di che diavolo stai parlando?!” e questa situazione è esattamente ciò di cui parla la canzone”.

CURIOSITA’

Inizialmente, questa canzone era stata scritta da P!nk per essere cantata da solista, ma la cantante comprese subito che aveva bisogno di qualcun altro che cantasse la canzone con lei poiché credeva che dovesse essere cantata come una discussione. Lei domandò a Nate Ruess (cantante dei Fun) di duettare con lei, ma il cantante inizialmente non accettò. A questo punto P!nk decise di convincerlo ingannandolo:”Andai da lui e provai a convincerlo che la canzone riguardava una storia, una conversazione tra più persone e allora lui mi disse che avrebbe registrato semplicemente la demo dell’intera canzone, perchè non voleva fare nessun duetto, ma a quel punto, una volta registrata la sua parte, la feci diventare una duetto come avevo pensato all’inizio. Penso che nonostante l’inganno ora lui sia veramente felice di averla fatta, è una bellissima canzone e sono veramente orgogliosa di essa“.

Vuoi dare anche tu una interpretazione diversa a questa canzone? Inviala a
significatocanzoni@gmail.com
la pubblicheremo a tuo nome oppure lascia semplicemente un commento in fondo al post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website.
Ok