Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!



La terza onda – Van De Sfroos

SIGNIFICATO

INTERPRETAZIONE #1

Davide Van De Sfroos, nome d’arte di Davide Bernasconi (Monza, 11 maggio 1965), è un cantautore, chitarrista e scrittore italiano. Van De Sfroos è un cognome fittizio che restituisce foneticamente, nel dialetto comasco, la frase Vanno di contrabbando (o, meglio, Vanno di frodo). E’ conosciuto per aver partecipato a Sanremo nel 2011 con la canzone Yanez e per la sua particolarità nel scrivere le canzoni in dialetto comasco.

In una intervista, lo stesso cantautore parlò di sua questa canzone e del testo: “La prima onda è quella che ti invita al viaggio, a prendere il largo quando la terra ti è stretta. La seconda è quella che ti vuol riportare a casa quando sopraggiunge la nostalgia di qualcuno, di qualcosa o della terraferma stessa, ma è solo la terza onda — quella dell’incognito, quella del destino non ancora rivelato, quella della fuga da se stessi e dai punti sicuri della nostra esistenza — a farci sentire veramente vivi e veramente in viaggio nel bene e nel male. Soprattutto è quella con il testo più difficile con la sua filosofia dell’onda che sale e scende. Come la vita. 

E’ la terza onda che poi ti tiene vivo, quella che ti offre una nuova possibilità. Questo brano, che abbiamo deciso di usare come singolo, è dedicato a Vito Trombetta e al suo poema “Nauta” a cui mi sono ispirato per il ritmo delle onde che si muovono da una sponda all’altra. Come lui che è di Torno, ma vive a Laglio”.

Vuoi dare anche tu una interpretazione diversa a questa canzone? Inviala a
significatocanzoni@altervista.org
la pubblicheremo a tuo nome oppure lascia semplicemente un commento in fondo a questo post.


 

TESTO

Barca tuca la riva, sfrega la punta gratta la spiaggia

Tera, tera incazzada che la se lamenta per ogni mè pass,

Troppa, troppa la nocc che ho pasaa sura l’acqua fantasma

Tera, tera bastarda che spuserà el veent per bufam in dii oecc

Unda lama de spada, labbru de dama, lengua de früsta

Unda che la carezza, unda che sgàrla e messeda i riflèss

Unda mann che me ciapa che la me rüzza fina a cà mia

Unda, unda seguunda che la me tira ancamò in mezz al laagh

Vita, vita de frosna, vita sfilzada de punta in soel fuund

Vita, vita mulagna, gira la roeda e tira la corda

Tera, tera che specia ogni rüdera che porta foe el laagh,

Tera che ogni matena cun la stessa facia la specia anca me

E sun che a specià la terza unda e sun che per vedè cume la sarà

E sun pruunt a basà la terza unda e sun pruunt a ciapà tücc i so s’ciàff

Dona dona sbagliada, roesa tajada e poe trada via

Dona, dona de tera, roesa che l’era mea la mia,

Roesa che la te spuung e intaant che la spuung la te lassa el prufoemm

Dona che impara da l’unda a regurdatt che te seret un omm

Rema rema via el muund fin duè l’acqua la g’ha pioe memoria

Scappa da quela corda che gira che gira e te liiga al puntiil

Unda unda busarda prema te rüzza e dopu te sbrofa

Aria de carta de vedru che frega e che frega per fatt turnà indree

Vita che la se incastra e l’è disegnaada a lisca de pess

Vita che la sbrissiga versu quel siit in de gh’eet voeja de vèss

Unda che la te porta fina a la spunda de là

Per fatt sentì püssee forta la voeja de turnà a cà

E sun che a specià la terza unda

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Per maggiori informazioni clicca qui Privacy Policy e qui