Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!



Sirene – Fedez feat. Malika Ayane

SIGNIFICATO

INTERPRETAZIONE #1

Sirene è un pezzo estratto dall’album Pop-Hoolista di Fedez, uscito il 30 settembre 2014; in questo brano il rapper è accompagnato da Malika Ayane, che canta il ritornello.
Lo stesso Fedez, in un’intervista sul disco, fornisce la chiave per interpretare questo testo: “È un parallelismo tra le sirene di Ulisse e quelle della polizia e, più in largo, tra il mare e la società”. Come nella maggior parte dell’album non si risparmia nel criticare la situazione italiana del momento, uno stato in alto mare che rischia di affondare da un momento all’altro.
Il ritornello mostra, mischiando realtà e mitologia, le due facce delle sirene: sono affascinanti, ricche di bei colori, ma ti tengono sveglio la notte e senti la tensione come se fossero in arrivo per te. Sempre più persone sono con l’acqua alla gola e sognano le branchie, o un modo per poter restare a galla, ma nessuno ti da una mano: anzi, siamo circondati di squali da ogni parte e ci si accanisce con chi è più in difficoltà e non si riesce a difendere (Ti diranno mani in alto quando tu sei in alto mare)
La seconda strofa è un’incoraggiamento a non lasciarsi sommergere dalle circostanze resistere, a farsi forza cercando le cose belle e positive anche nella situazione difficile di questo periodo, le stelle marine in questo cielo di sassi.
;

Vuoi dare anche tu una interpretazione diversa a questa canzone? Inviala a
significatocanzoni@gmail.com
la pubblicheremo a tuo nome oppure lascia semplicemente un commento in fondo al post.

TESTO

Il loro canto tiene sveglia la città
Ugole di plexiglass
Stelle a intermittenza sulla boulevard
Arcobaleni in plastica
Stanno arrivando, e sono per te
Ti stanno chiamando, e vogliono te
Senti, stan cantando solo per te
Si stanno avvicinando

Il sogno più grande è permettersi di camminare sulle proprie gambe
Come le sirene
Iniezioni di fiducia, ma non trovano le vene
Coperte dalle squame, come le sirene
Mi devo rianimare in un paese non cosciente
Voglia di mal di mare, perchè non si muove niente
Bere come le sirene, come l’etilene, se conviene bene, sennò come viene, viene

Guardando l’aurora con le facce stanche
Con l’acqua alla gola sognando le branchie
Siamo soggetti all’usura del tempo
Ma ancora di più a quella delle banche
Se tocchi il fondo per forza risali
Ma spesso le perle son giù nei fondali
Davanti alla sfiga, apparire cordiali
Mai sanguinare davanti agli squali
Sono pesci grossi con palati fini
La realtà nuda e cruda, bikini e sashimi
Col mare, le falle, con i polpi vivi
Calmare le acque con i sedativi
È un circolo vizioso, non un circolo polare
Con più S35 che in battaglia navale
Più cerchi di nuotare, più ti vogliono affogare
Ti diranno mani in alto quando tu sei in alto mare

Stanno arrivando, e sono per te
Ti stanno chiamando, e vogliono te
Senti, stan cantando solo per te
Si stanno avvicinando

Ulisse si è legato per resistere
Tu devi resistere per non farti legare
Non devi annegare, ma ti devi allenare
Gare di resistenza a pubblico ufficiale
Posti di blocco posti al confine
Barricate, barriere coralline
Con gli sguardi bassi su un cielo di sassi, ti porta a guardare le stelle marine

Il loro canto tiene sveglia la città
Ugole di plexiglass
Stelle a intermittenza sulla boulevard
Arcobaleni in plastica
Stanno arrivando, e sono per te
Ti stanno chiamando, e vogliono te
Senti, stan cantando solo per te
Si stanno avvicinando

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Per maggiori informazioni clicca qui Privacy Policy e qui