Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!



London Calling – The Clash

SIGNIFICATO

INTERPRETAZIONE #1

London Calling, celebre brano dei Clash scritto nel 1979, nasce dalla tremenda preoccupazione riguardo alle tensioni mondiali e ai conflitti che avrebbero potuto scoppiare in qualsiasi momento: la crisi nucleare, la corsa agli armamenti, la repressione subita dai londinesi in quel periodo. Nasce anche dalla preoccupazione relativa al sempre più comune uso di droghe da parte dei giovani londinesi, che occasionalmente potevano farli sentire “un po’ più in alto”: “we ain’t got no high, except for that one with the yellowy eyes”. Una preoccupazione che però è anche dovuta agli avvenimenti interni alla band, che in quegli anni stava attraversando un momento difficile: debiti, discussioni pesanti con la loro casa discografica e la mancanza di un manager, riferimenti presenti nel testo con le parole “now don’t look to us, all that phoney Beatlemania has bitten the dust”, ovvero la loro situazione con la casa discografica Broadway Production dopo “l’era punk”, conclusa simbolicamente nel 1977. Tutte le vicessitudini della band sono quindi simbolicamente inserite in un contesto più ampio di conflitto e disperazione: London Calling era infatti una frase ripetuta giorno per giorno dalla BBC durante la Seconda Guerra Mondiale nei paesi occupati.

Inoltre, il verso “Londra si sta allagando e io vivo presso il fiume” è ispirato al detto inglese secondo cui se il Tamigi fosse straripato, tutta Londra sarebbe rimasta sommersa: data la loro situazione i Clash sarebbero stati i primi a crollare, ma questo pezzo racchiude tutto il loro spirito giustiziero e contrario alle istituzioni.

Vuoi dare anche tu una interpretazione diversa a questa canzone? Inviala a
significatocanzoni@gmail.com
la pubblicheremo a tuo nome oppure lascia semplicemente un commento in fondo al post.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Per maggiori informazioni clicca qui Privacy Policy e qui