Collage

– Origine dei nomi d’arte dei gruppi e dei cantanti –

Vi siete mai chiesti come mai un certo gruppo o cantante abbia scelto proprio quel nome d’arte e non un altro? Ebbene dietro ad ogni pseudonimo di ogni cantante o gruppo si cela una storia molto interessante! Scopriamo insieme le origini dei nomi dei cantanti!

N.B. I nomi dei gruppi e dei cantanti sono in ordine alfabetico. Questa pagina è costantemente aggiornata col passare dei giorni.

  • 883: la loro storia inizia tra i banchi di scuola di un liceo di Pavia negli anni 80: Pezzali ripete la terza e si ritrova come compagno di banco Repetto: i due diventano amici e cominciano a scrivere canzoni sognando l’America e il successo. La prima occasione per mettersi in mostra arriva nel 1989, quando i due partecipano alla trasmissione “1-2-3 Jovanotti”, condotta dall’allora emergente Jovanotti. In realtà qualche tempo dopo entrano sotto l’ala protettrice di Claudio Cecchetto col cui staff i due iniziano a lavorare sui pezzi, non prima di aver cambiato il nome del gruppo dal poco originale “I Pop” a 883, nome che prende origine dall’omonimo modello di moto della Harley Davidson di cui sono grandi appassionati.
  • Aerosmith: la leggenda vuole che il nome derivi dal titolo del racconto di Sinclaire Lewis “Arrowsmith”. Ma nell’autobiografia del gruppo “Walk This Way” Joey Kramer racconta la storia di come, quando era ancora a scuola seduto accanto alla sua ragazza ascoltanto “Aerial Ballet” di Harry Nilsson, lui e lei iniziarono a pensare a dei nomi di band che avessero “aero” nel nome e saltò fuori “aerosmith”. Si innamorò a tal punto di quel nome che iniziò a scriverlo su tutti i suoi libri di scuola! La band in cui suonava, però, non voleva utilizzarlo. Dopo poco entrò a far parte della band di Perry e Tyler e un giorno si ritrovarono tutti insieme per cercare un nome adatto alla band e Kramer si ricordò di quella parola. All’inizio alla band non piaceva perché tutti avevano capito che fosse il titolo del racconto di Sinclair Lews, che tutti furono obbligati a leggere a scuola, ma Joey disse: “No, no!! A-E-R-O!”, e così fu.



  • Articolo 31: J Ax (alias Alessandro Aleotti, Milano 05-08-1972) e Dj Jad (alias Luca Perrini, Milano 27-12-1966) si conobbero durante una festa nel 1990, a Milano. Il primo rapper e il secondo dj, famoso tra l’altro tra le strade di Milano per essere ballerino di break dance, decisero nello stesso anno di formare un gruppo hip hop. Inizialmente avrebbero voluto chiamarsi “Articolo 41” (da un articolo di legge, che prevede la possibilità di essere esentati dal servizio militare per sindromi nervose). Su suggerimento di un professore universitario, lo cambiarono subito in “Articolo 31”, dall’articolo della Costituzione irlandese che sancisce la libertà di espressione e di parola sui media ed inoltre riguarda la protezione delle famiglie e dei minori.
  • Bastille: durante un’intervista gli stessi Bastille svelarono che l’origine del nome del loro gruppo è dovuto dal giorno della Presa della Bastiglia, festa nazionale francese che si celebra il 14 luglio, giorno in cui Dan Smith è nato.
  • Blink 182: il primo nome con cui si fanno conoscere è El cuarto and the Cajones, un gruppo in cui i tre si vestono da cowboy per rallegrare matrimoni e feste di compleanno. Con queste attitudini non riscuotono molto successo. Cambiano momentaneamente il nome in Duck Tape e iniziano a fare quello che loro definivano come punk, anche se ciò era molto diverso dal loro modo di suonare attuale. Ricambiano nuovamente il nome in Blink. Poco prima dell’uscita del primo album ufficiale, il gruppo subisce un’azione legale da parte di un gruppo techno irlandese con lo stesso nome. Sotto ordine giudiziario i blink furono costretti a cambiare nome. Aggiungono così il numero 182, il numero di volte che viene detto fuck nel film Scarface.
  • Bloodhound Gang: Il gruppo, originario di King of Prussia in Pennsylvania fu fondato nel 1992 e deve il suo nome ad uno sketch televisivo (The Bloodhound Gang, appunto) del programma 3-2-1 Contact, tant’è che sul sito della band si può trovare il motivetto introduttivo degli sketch.
  • Caparezza:  questo nome gli venne assegnato dai suoi amici nel 1999 in quanto Caparezza significa “testa riccia” in dialetto molfettese, nome dunque assegnatogli a causa della sua riccia e vaporosa acconciatura
  • Club Dogo: Il gruppo nasce dall’amicizia tra Gué Pequeno e Dargen D’Amico, compagni di scuola e scrittura, a cui poi si unisce il writer ed MC Jake La Furia. Dopo l’esperienza delle Sacre Scuole, Jake La Furia e Il Guercio si uniscono con il beatmaker e MC Don Joe e formano il gruppo Club Dogo, che prende il nome del Dogo argentino, razza canina particolarmente adatta alla caccia.
  • Coldplay: non essendoci una dichiarazione vera e propria della band sull’origine del loro nome, ci affidiamo alle informazioni trovate in rete. Ci sono due versioni a riguardo: la prima è che il nome sia stato scelto in ricordo dei tempi passati al liceo insieme (i membri della band erano praticamente tutti compagni di classe al liceo) quando si divertivano a giocare all’aperto mentre nevicava (da qui Cold = freddo e Play = giocare); la seconda versione però è quella che trova più riscontri e viene riferito che il nome fu suggerito da un’idea di un loro amico, Tim Rice-Oxley, un pianista che decise di abbandonare l’idea che il suo gruppo avrebbe potuto chiamarsi in quel modo.
  • Daft Punk: Il nome “Daft Punk” deriva da una recensione del primo lavoro del gruppo in cui militavano, i Darlin’, apparsa sulla rivista britannica Melody Maker, in cui erano stati definiti “un gruppetto di stupidi teppisti” (“a bunch of daft punk“). E fecero quindi loro questo appellativo che diventò ironicamente lo pseudonimo dietro il quale si celarono i due.
  • Doors: il gruppo decise di chiamarsi così in riferimento al libro “The Doors of Perception” in cui lo scrittore Aldous Huxley descrive le sue esperienze percettive durante il periodo in cui faceva uso di mescalina (una droga dagli effetti psichedelici).
  • Dream Theater: la band sorge dall’incontro del chitarrista John Peter Petrucci e dell’amico John Ro Myung (bassista) con il batterista Michael Stephen Portnoy, avvenuto nel Berklee College of Music di Boston, scuola musicale che i tre frequentavano. Vennero invitati a far parte della formazione anche Kevin Moore (alle tastiere) e Chris Collins (alla voce): nacquero così, nel 1985, i Majesty. Successivamente il gruppo dovette cambiare nome per motivi di copyright (esisteva già un gruppo jazz in California di nome “Majesty”) e sostituì anche il cantante, a causa di ricorrenti dissapori fra lo stesso Collins e gli altri membri del gruppo. Il nuovo nome, Dream Theater, fu tratto da quello di un cinema di Monterrey in California, e l’idea di dare questa denominazione alla band venne al padre di Portnoy. Il simbolo del gruppo è lo stemma dell’anello di Maria Stuart di Scozia: raffigura la sua iniziale (M) incastonata con quella di suo marito, Francesco II di Francia (phi greca F).
  • Emis Killa: il rapper milanese spiegò così la scelta del suo nome d’arte: “La svolta ci fu nel 2007, quando al contest «Tecniche perfette» diventai campione italiano di freestyle (improvvisazione di rime su una base musicale; ndr ). Avevo scoperto quel tipo di gare su Internet. Ho il ritmo nel sangue, mio padre era un pianista, ma mi sono dovuto allenare: interi pomeriggi a sfornare versi. Con quella vittoria ho dimostrato di saperci fare, come suggerisce il mio nome d’ arte sono un killer, uno che uccide a suon di rap”.
  • Gli Eiffel 65 erano un gruppo dance/electro-pop italiano nato nel 1998 negli studi della casa discografica torinese Blisscorporation. La formazione originale della band vede impegnati nel progetto il dj Gabry Ponte (all’anagrafe Gabriele Ponte), il musicista Maurizio Lobina (in arte Maury) ed il front-man nonché vocalist Jeffrey Jey, alias Gianfranco Randone. Il nome del gruppo è frutto della scelta casuale di un computer che individuò in un elenco di possibili nomi la parola “Eiffel”, alla quale fu aggiunto per errore il numero 65 le cui cifre facevano parte di un numero telefonico.
  • Eminem: all’inizio degli anni novanta Mathers adottò il nome d’arte “M&M” (dalle sue iniziali con il nome di battesimo: Marshall Mathers), ed insieme a Proof fondò i Soul Intent. Nel 1996 pubblicò da solista Infinite e per la prima volta con lo pseudonimo “Eminem“, che deriverebbe dunque pronuncia del suo precedente nome d’arte, M&M.
  • Fabri Fibra: durante una puntata de ‘Il testimone‘ in onda su MTV, lo stesso Fibra spiegò che il suo pseudonimo nacque in un modo abbastanza casuale e semplicemente perchè un giorno vide scritto su un foglio il suo nome (Fabrizio) abbreviato in Fabri e si accorse che scambiando le vocali si otteneva Fibra. Il nome gli piacque e decise di mantenerlo definitivamente.



  • Fedez: non ci sono dichiarazioni ufficiali del cantante, ma la più accreditata ci dice che il nome nacque da questa serie di abbreviazioni e giochi di parole: Federico, Fede ,vez (gergo giovanile) => Fedez
  • Finley sono un gruppo pop punk italiano, formatosi a Milano nel 2003, da quattro ragazzi residenti a Legnano (MI). La band prende il nome da Michael Finley, giocatore di basket nell’NBA.
  • Gemelli DiVersi: in pochi si accorgono che il nome del gruppo va scritto proprio con  la V di diVersi maiuscola. Il nome del gruppo infatti è sia un ossimoro (se sono gemelli come fanno ad essere diversi?) sia un gioco di parole capibile facilmente scomponendo la seconda parola diventando così Gemelli di versi, cioè gemelli nelle rime, nel fare musica. Dunque diversi perchè sono diversi nell’aspetto, ma gemelli perchè sono uniti dalla voglia e passione di far musica.
  • Green Day: la loro storia ha inizio nel 1987. Il gruppo si forma a Berkeley, una piccola città non lontana da San Francisco; la formazione iniziale vedeva a capo solo Billie Joe Armstrong, all’ epoca quindicenne, e Mike Dirnt. Essi affrontarono l’angoscia esistenziale dei teenager all’insegna di un power-pop che prendeva dall’hardcore soltanto la velocità. All’inizio Billie Joe e Mike fecero parte di gruppi come Pinhead Gunpowder, Goodbye Harry, Blatz, Corrupted Morals e Screeching Weasel, prima di trovarsi nei Sweet Children, dove alla batteria c’era Al Sobrante. Nel 1987 i Sweet Children tennero il loro primo concerto al Rod’s Hickory Pit a Vallejo, California, dove lavorava la madre di Billie. Nel 1988 Billie e Mike si unirono con Al Sobrante, formando i Green Day (il termine in slang significa giornata passata a farsi le canne).
  • Guns N’ Roses: il gruppo prende il nome dalle due band alle quali appartenevano i fondatori, gli “Hollywood Rose” e gli “L.A. Guns“, che ne hanno unito i nomi.
  • Imagine Dragons:  Il nome del gruppo è un anagramma, ma le parole originali del nome sono visibili nel video della canzone On top of the world, dove nell’auto di Wayne Sermon compare la scritta “RAGGED INSOMNIA
  • Gli Iron Maiden furono fondati nel 1975 a Londra, dal bassista Steve Harris. Harris ebbe l’ispirazione per il nome “Iron Maiden” dal film L’uomo dalla maschera di ferro, in cui compariva lo strumento di tortura detto vergine di Norimberga o “vergine di ferro” (in inglese iron maiden).
  • Jay-Z: il famosissimo rapper iniziò la sua carriera facendosi chiamare “Jazzy”, e in seguito contrasse tale soprannome in Jay-Z, omaggio al suo collega Jaz-O (con cui collaborò in The Originators ed Hawaiian Sophie).
  • Jovanotti:  inizialmente il nome d’arte che Lorenzo Cherubini (suo vero nome) aveva scelto era “Joe Vanotti” ma il tipografo a cui aveva commissionato una locandina promozionale per una serata in discoteca commise un refuso: anziché scrivere “Joe Vanotti” scrisse “Jovanotti“, un errore che però Lorenzo trovò provvidenziale e decise quindi di tenere. Claudio Cecchetto in un primo momento glielo bocciò ma poi lo trovò adatto al personaggio e gli consigliò di tenerlo.
  • Lady Gaga:  il produttore Rob Fusari ha incaricato Wendy Starland (sua scout) di trovare una ragazza che potesse diventare la frontman di un gruppo. Nel giugno del 2006 la scout ha incontrato Gaga e, malgrado non corrispondesse agli standard prefissati da Fusari, ha parlato della ragazza con il produttore perché la considerava “interessante”. Dopo due settimane di incertezze, Fusari ha deciso di fissare un appuntamento con lei. Successivamente, per rendere commerciale la ventenne, Fusari ha deciso di organizzare una riunione con il proprio staff. Durante l’incontro, un membro dello staff ha parlato dei Queen e di Radio Ga Ga e per questo motivo alla fine della riunione hanno deciso che il nome d’arte di Stefani Germanotta sarebbe stato Lady Gaga.
  • I Linkin Park inizialmente decisero di chiamarsi Xero, ma poi preferirono cambiarlo con “Hybrid Theory” perché Xero era il già moniker di un vecchio gruppo australiano, in attività negli anni settanta ed ottanta. Grazie a Jeff Blue e al loro primo EP, gli Hybrid Theory firmarono per la Warner. Tuttavia furono di nuovo forzati a cambiare nome, per problemi di copyright con il gruppo electropop britannico Hybrid. All’inizio erano indecisi tra Clear, Probing Lagers e Ten P.M. Stocker (quest’ultimo si riferiva al fatto che la band era abituata a registrare il materiale dopo le 10 di sera). Alla fine Bennington suggerì il moniker Lincoln Park, da una zona di Santa Monica (ora Christine Reed Park) dove passava in auto durante le registrazioni del primo album. Il cantante pensava che ci stavano tante “Lincoln Park” negli Stati Uniti e che perciò dovunque suonassero diventavano, per i loro futuri fans, un gruppo locale. Per pochi mesi usarono il nome Lincoln Park; poi, quando decisero di registrare un proprio dominio Internet, scoprirono che “lincolnpark.com” già esisteva. Poiché non potevano permettersi di acquistarlo, ne accorciarono l’ortografia da “Lincoln” a “Linkin” e comprarono così il dominio “linkinpark.com”.
  • Litfiba nascono a Firenze nel 1980. Il nome non è altro che la fusione di varie parole secondo l’uso telex: “L”(sigla di chiamata),”IT” (Italia), “FI” (Firenze), “BA” (via de’ Bardi, dove la band , al numero 32, aveva la sua storica cantina con la “sala prove”).
  • “Madonna”, oltre ad essere il nome d’arte scelto dalla popstar per provocazione, è il suo nome di battesimo ed anche il nome della madre. Dunque il suo vero nome è Madonna Louise Veronica Ciccone.
  • Maroon 5: questo è l’unico gruppo di cui probabilmente non sapremo mai l’origine del loro nome. Ovunque si cerchi in rete si trovano decine di interviste in cui tutti i componenti dei Maroon 5 dicono esplicitamente di voler mantenere segreto il motivo della scelta di questo nome. L’unica interpretazione che possiamo dare è legata al termine Maroon (dallo spagnolo cimarrón, letteralmente “che vive sulle cime delle montagne”; e quindi “selvaggio”, “fuggitivo”), quindi come se il nome stesse ad indicare che i 5 componenti della band fossero accomunati dal fatto di essere 5 ‘fuggitivi’.
  • Marracash:  Il nome d’arte “Marracash” viene adottato dall’artista perché da piccolo, essendo di origini siciliane ed avendo il viso ben marcato, gli altri bambini lo chiamavano “Marocchino” o “Marrakesh”.
  • Modà: Il nome d’arte Modà nasce come suggerimento da parte di un amico di Kekko, gestore di una discoteca ad Erba che si chiama proprio Modà. La band allora, oltre ad avere un’altra formazione, aveva anche un altro nome, che non sempre sono propensi a dire. E quando questo amico seppe che i ragazzi erano in cerca di un nome “vero” per la band, propose a Kekko di prendere il nome del suo locale, come una sorta di portafortuna.
  • I Negramaro sono un gruppo rock italiano che prende il nome dal Negroamaro, un vitigno della terra d’origine della band, il Salento.
  • I Negrita sono un gruppo musicale rock italiano, formatosi all’inizio degli anni 90 a Arezzo. Prendono il loro nome da una famosa canzone dei Rolling Stones Hey! Negrita.
  • Nek : durante una sua intervista lo stesso cantante disse di aver scelto questo nome d’arte semplicemente perchè da piccolo era convinto che Nek fosse la parola che percepiva di udire quando batteva su una batteria
  • NOFX: Durante le prime prove, che continuano comunque a svolgersi senza Steve impossibilitato a raggiungerli da Orange County, il gruppo inizia a porsi il problema del nome da darsi: l’idea viene ad Erik il quale andava spesso a casa di Mike ad ascoltare i suoi album punk rock, ed un giorno, dopo aver ascoltato un album dei Negative FX, propone per il gruppo il nome No FX (abbreviazione per no effects, ovvero nessun effetto) che ben presto diverrà NOFX. Mike accetta l’idea, e così fanno gli altri componenti.
  • Nomadi: nel 1961 il tastierista Beppe Carletti fonda, insieme al batterista Leonardo Manfredini, al bassista Antonio Campari e al chitarrista Remo Gelati, il gruppo musicale I Monelli. L’anno seguente il chitarrista Mario Cambi si unisce al nucleo dei Monelli, sostituendo Remo Gelati. Con l’arrivo del sassofonista Gualberto Gelmini, di qualche anno più anziano, il nome I Monelli viene modificato in I Nomadi, rilevando la denominazione da un precedente complesso di Ischia che aveva appena annunciato la cessazione delle attività.
  • Paps ‘n’ Skar!: Emanuele Cozzi (Paps) e Davide Scarpulla (Skar) in arte Paps ‘n’ Skar!
  • Pearl Jam: Eddie dichiarò che il nome della band derivava dal nome della nonna, Pearl, sposata con un nativo americano e conosceva la ricetta per una marmellata (in inglese “jam”) fatta con peyote. In un’edizione della rivista Rolling Stone del 2006, Ament e McCready dichiararono che al primo venne l’idea di “pearl”, mentre “jam” fu aggiunto dopo un’esibizione dal vivo di Neil Young.
  • P!nk: in un’ intervista rilasciata alla CNN la stessa Pink disse:”E’ un soprannome che mi ha inseguito per vari motivi nel corso della mia vita: è una cosa abbastanza meschina prima di tutto: tutto nacque quando al campeggio alcuni ragazzini mi tirarono giù i pantaloni e io arrossii moltissimi e loro subito si divertirono a dirmi:”Ahah! Guardatela, è tutta rosa! (in italiano invece è tutta rossa). In secondo luogo il mio soprannome è dovuto anche grazie al film Reservoir Dogs in cui era presente un personaggio chiamato Mr. Pink.”
  • Rocco Hunt: “Perchè nel mondo Hip-Hop ho iniziato prima coi graffiti, e quindi la mia ‘Tag’ era Hunt. Decisi di iniziare a fare rap e presi il nome di “Hunt Mc” poi col tempo ho messo me stesso e la mia vita nelle canzoni e quindi ho aggiunto il mio vero nome alla tag”.
  • Gli Ska-P sono un gruppo musicale ska-punk della Spagna formatosi nel 1994. Politicamente può essere classificato come gruppo musicale di estrema sinistra. Nonostante i suoi punti di vista radicali, rimane una delle più popolari ska band in Spagna e in Europa. Il nome del gruppo deriva dal loro genere musicale, ma anche da un gioco di parole: gli spagnoli pronunciano SKA-P “escápe”, che significa “scappare”.
  • Stromae: Nel 2000 scelse lo pseudonimo di Opmaestro per cominciare la sua carriera nel mondo del rap. Essendo il suo pseudonimo troppo simile a quello di un altro artista, l’ha cambiato optando per Stromae, che significa maestro e infatti a proposito del suo nome d’arte, il cantante francese durante una intervista disse “Stromae vuol dire Maestro. È uno slang francese molto popolare. Si modificano le parole tagliandole a metà e invertendo le due parti. Merci, ad esempio, diventa cimer”
  • Subsonica:  per decidere il nome del gruppo, Samuel propose “Sonica“, come una canzone dei Marlene Kuntz, mentre Max propose “Subacqueo“, titolo di una canzone che aveva scritto con gli Africa Unite. Per conciliare i due, la ragazza di Max pensò di unire i due nomi creando così la parola “Subsonica”.
  • SUM 41 iniziano la loro carriera musicale in band rivali durante le scuole superiori; il loro incontro è avvenuto, come affermato da loro stessi, durante un concerto delle Hole, 41 giorni dopo l’inizio dell’estate del 1996 (da qui il nome Sum 41).
  • The Ark: il gruppo si forma nell’agosto 1991 a Rottne un piccolo paese della Svezia, grazie ad Ola Salo (pianista, cantante e compositore principale), Jepson (chitarrista e cantante), Leari (vero nome Lars Ljungberg, bassista) e Martin Rosengardten (batterista). Figlio di un predicatore, Ola era convinto che l’Apocalisse fosse vicina, leggendo frequentemente tra le righe del Libro della Rivelazione e da qui la decisione di chiamare il gruppo The Ark (L’arca). Ola infatti desiderava creare un posto sicuro, per tutte le persone come lui.
  • The Fray: la band scelse tale nome in seguito a un evento accaduto durante la festa di diploma di Caleb Slade. Il nome, dicevano, si addiceva alla band perché litigavano sempre (Fray in inglese significa disputa) durante la composizione delle loro canzoni.
  • U2: Nel marzo del 1978 il gruppo, chiamato precedentemente Feedback, prende quindi il nome U2. Il nome sembra sia stato suggerito dal cantante dei The Radiators Steve Averill, ispirato al celebre aereo spia
  • Zucchero: il suo vero nome è Adelmo Fornaciari, nato a Roncocesi, una frazione di Reggio Emilia, il 25 settembre 1955. Il nome d’arte, Zucchero, secondo molto fonti trovate su internet, dovrebbe derivare semplicemente dal soprannome utilizzato dalla sua maestra delle elementari.

Conosci l’origine del nome di qualche cantante o gruppo musicale?

Inviacela a significatocanzoni@gmail.com 

la pubblicheremo su questa pagina a tuo nome!

Pagina in continuo e costante aggiornamento!

——————————-

N.B. Tutte le informazioni riguardo i nomi dei cantanti sono reperibili cercando su internet, la maggior parte delle quali si trovano facilmente sul sito di Wikipedia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

banner
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Per maggiori informazioni clicca qui Privacy Policy e qui