Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!



Six Degrees Of Separation – The Script

SIGNIFICATO

PREMESSA OFF-TOPIC: nessun collegamento con la teoria dei “sei gradi di separazione

Per chi non fa attenzione al testo della canzone, ma si ferma semplicemente al titolo, potrebbe cadere in errore pensando che la canzone tratti della ben più famosa teoria dei “sei gradi di separazione“: tale teoria  fu elaborata nel 1967 dal sociologo americano Stanley Milgram, che trovò un nuovo sistema per testare empiricamente la teoria, che egli chiamò “teoria del mondo piccolo“. Selezionò casualmente un gruppo di americani del Midwest e chiese loro di mandare un pacchetto a un estraneo che abitava nel Massachusetts, a diverse migliaia di chilometri di distanza. Ognuno di essi conosceva il nome del destinatario, il suo impiego, e la zona in cui risiedeva, ma non l’indirizzo preciso. Fu quindi chiesto a ciascuno dei partecipanti all’esperimento di mandare il proprio pacchetto a una persona da loro conosciuta, che, a loro giudizio, poteva avere il maggior numero di possibilità di conoscere il destinatario finale. Quella persona avrebbe fatto lo stesso, e così via, fino a che il pacchetto non fosse stato personalmente consegnato al destinatario finale.

I promotori dello studio si aspettavano che il completamento della catena avrebbe richiesto perlomeno un centinaio di intermediari, mentre invece si rilevò che i pacchetti, per giungere al destinatario, richiesero in media solo tra i cinque e i sette passaggi. Le scoperte di Milgram furono quindi pubblicate in Psychology Today e da esse nacque l’espressione sei gradi di separazione.

La canzone dei The Script dunque non c’entra nulla con questa teoria o perlomeno la ribalta esattamente all’opposto: i sei gradi di separazione infatti vengono intensi in tutt’altro modo, intendendo la “separazione” legata a quando una coppia si lascia e dunque passa diversi fasi della “separazione” da quando si lascia il/la proprio/a ragazzo/a. Se secondo la teoria bastano sei semplici passaggi per connettere tutte le persone del mondo assieme, al contrario i The Script ci dicono che bastano 6 passaggi per separarsi completamente da tutti.




INTERPRETAZIONE #1

I The Script con questo singolo, ci parlano di un tema che avevano già affrontato ampiamente nella loro canzone “Breakeven“: lo stato d’animo e la situazione provata da una coppia (o meglio, da uno dei due in particolare, cioè  chi viene lasciato) appena la loro relazione finisce. Come per Breakeven anche in questo caso ognuno si può ritrovare nella parole del testo, assolutamente vere e perfette nel descrivere la situazione drammatica in cui uno si ritrova in quella circostanza.

Per capire ancora più facilmente questa canzone, basta andare ad osservare la copertina del singolo che riassume con 6 semplici simboli i vari gradi di separazione, basta poi andare ad analizzare il ritornello della canzone per capire dunque il significato del testo e ciò che i The Script vogliono comunicarci:

First, you think the worst is a broken heart
{Primo, pensi che il peggio sia un cuore spezzato} – Reazione istintiva appena si viene lasciati

What’s gonna kill you is the second part
{Ciò che ti ucciderà è la seconda parte} – Pensi al peggio che può succedere e se riuscirai mai ad uscirne da una situazione simile

And the third, Is when your world splits down the middle
{E il terzo, è quando il tuo mondo si spacca nel mezzo} – Quando si viene lasciati inevitabilmente ci si isola, il mondo è spaccato tra quelli che “appoggiano” la tua ragazza e quelli che stanno con te

And fourth, you’re gonna think that you fixed yourself
{E il quarto, penserai di esserti rimesso in sesto } – Dopo un po’ di tempo pensi di esserti ripreso, di star meglio, di poter andare avanti senza di lei/lui

Fifth, you see them out with someone else
{Al quinto, li vedi con altre persone} – Rimani di sasso appena la/lo rivedi, soprattutto se sta uscendo con altre persone, è una cosa che non ti aspettavi

And the sixth, is when you admit that you may have fucked up a little
{E il sesto, è quando ammetti che potresti aver fatto una cazzata} – Ripensi a tutto ciò che hai fatto e in fondo se sei arrivato a quello situazione, forse è perchè sei stato il primo a commettere degli errori.

Vuoi dare anche tu una interpretazione diversa a questa canzone? Inviala a
significatocanzoni@gmail.com
la pubblicheremo a tuo nome oppure lascia semplicemente un commento in fondo al post.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Per maggiori informazioni clicca qui Privacy Policy e qui