Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!



[SANREMO 2015] Grande amore – Il Volo

SIGNIFICATO

INTERPRETAZIONE #1
Il Volo è un trio di giovani tenori, Piero Barone, Ignazio Boschetto e Gianluca Ginoble: parteciperanno per la prima volta al prossimo Festival di Sanremo 2015 nella categoria Big con il brano Grande amore. Sono considerati outsider con grandi possibilità di vittoria. Il trio interpreta brani classici italiani (in particolare di Napoli) e internazionali in chiave moderna. Il loro brano Grande amore parla del desiderio che l’amore sia per sempre (Dimmi che mai Che non mi lascerai mai), che sia sempre più famigliare (Dimmi chi sei Respiro dei giorni miei d’amore) e che sia una preferenza vera (Dimmi che sai Che solo me sceglierai). In più, vengono fatte altre richieste, per avere una certezza nel rapporto, cosa che diventa sempre più urgente.

Inoltre, il brano è contenuto nel nuovo progetto discografico del trio, Sanremo Grande Amore, un disco in uscita il 24 febbraio che raccoglierà i maggiori brani della storia del Festival dotati di veste nuova, reinterpretati in chiave più contemporanea e internazionale. I brani in questione sono celebri, come L’immensità, Canzone per te, Piove (ciao ciao bambina), Vacanze romane, Romantica e Ancora che Il Volo interpreterà nella serata del Festival dedicata alle cover.

CURIOSITA’ E CRITICHE
Il 15 Febbraio 2015, come era facilmente pronosticabile, il gruppo vince il Festival di Sanremo 2015. All’annuncio della vittoria si incominciano a raccogliere le prime reazioni a caldo e in particolare in rete e sui social network sono molte le critiche che nascono; principalmente pare che la maggior parte della gente volesse la vittoria di Nek o di Malika Ayane (che dopo ben 4 presenze al Festival non viene ancora premiata per la miglior canzone), anche perchè la canzone de Il Volo secondo molti risulta sicuramente di alto calibro, ma un singolo sicuramente difficile da far passare in radio a causa del genere musicale non certo adatto alle canzoni che siamo abituati a sentire negli ultimi anni. Su twitter l’hashtag #ilvolo prende il sopravvento e l’Italia del web si divide anche in questo caso su possibili voti pilotati. Lo stesso Nek, in una immediata dichiarazione subito dopo il verdetto, disse:”Con tutto rispetto per ‘Il Volo’, la cosa che mi ha stupito è che il mio brano passa in radio e lo conoscono in molti”. Da ultimo, cosa ancora più grave, è la denuncia di molti utenti tramite twitter, che segnalano l’impossibilità di riuscire a votare Nek, come dimostrano questi tweet e sms:

Nek_voti_sanremo
 

Nek_voti_sanremo1

Ovviamente la risposta dei sostenitori del gruppo non si è fatta attendere, tanto da far ricordare a tutti che “Il Volo” sono stati i primi artisti italiani ad aver firmato un contratto diretto con una major statunitense, vantano apparizioni in diversi show italiani e stranieri, hanno ricevuto nomination ai Latin Grammy Awards e ai Billboard Latin Music Awards, sono stati invitati per cantare l’inno nazionale americano al Dodger Stadium, vengono da tour con oltre 20 date in America e Canada, hanno cantato in concerto con artisti del calibro di Miguel Bose, Gloria Estefan, Ivete Sangalo, Laura Pausini, Anastacia, senza dimenticare che il loro video della canzone “Grande Amore” ha addirittura 10 volte il numero di visualizzazioni della canzone di Malika Ayane (850000 vs appena 84000, dati aggiornati al 15 Febbraio 2015) etc insomma tutto questo per far notare come questo gruppo sia probabilmente più conosciuto, apprezzato e premiato all’estero che in patria, dove gli italiani evidentemente preferiscono e apprezzano di più la musica pop, rap e disco.

Grazie alla vittoria a Sanremo, Il Volo parteciperà di diritto alla 60esima edizione dell’Eurovision Song Contest, anche noto come Eurofestival, che si terrà a Vienna dal 19 al 23 maggio 2015, dunque non si può nascondere il fatto che il gruppo vocale grazie alla fama mondiale parta già ampiamente favorito per la vittoria in Europa e con ottime chance di rimediare all’umiliante 21esimo posto ottenuto da Emma Marrone l’anno scorso.

E voi lettori da che parte state?

Vuoi dare anche tu una interpretazione diversa a questa canzone? Inviala a
significatocanzoni@gmail.com
la pubblicheremo a tuo nome oppure lascia semplicemente un commento in fondo al post.
  1. Io ho tredici anni, ascolto questa canzone di continuo… Chi ha detto che questa è “una canzone mediocre”, “una canzone per nonne”, vuol dire che non capisce proprio niente nè della musica, nè del canto nè dell’amore. Mi sentivo sin dall’inizio che avrebbero vinto. Quella canzone mi fa sciogliere il cuore, sin dalle prime note… Ma come ho già detto all’inizio del mio commento, non tutte le persone sono abbastanza competenti nel sentimento e in questa arte. Io ho 10 in pianoforte, 10 in violino e 10 in canto lirico quindi credo di intendermene un po’. Inoltre vorrei rispondere a Ilaria: se hanno sempre cantato all’estero, vuol dire che, probabilmente in Italia non sono MAI stati apprezzati come meriterebbero, perchè evidentemente l’Italia è una nazione di INCOMPETENTI, INSENSIBILE e, aggiungerei anche MEDIOCRI, dato che avete usato questo termine. Auguro loro una grande carriera, perchè tra vent’anni potrò dire ai miei figli che ascolteranno attenti la loro musica, che cantano brillantemente da quando io avevo 9 anni, e che continuano a farlo, perchè hanno fiducia in loro stessi e sono un esempio da seguire per tutti i ragazzi.

  2. oggi ho riascoltato questo pezzo. mi convince sempre meno, quegli accordi lirici buttati lì sono fuori luogo in questa canzone mediocre. come ha fatto a vincere?? lo chiedo a voi…

  3. Questi vanno bene per le nonne. A San Remo hanno cantato pure malino, rispetto alla loro alto “profilo”. Sono frutto di uno strano (e direi solito) business che con la musica c’entra poco. Ce li vedo i ragazzini che hanno i loro smartphone pieni di canzoni del genere o i ragazzi maturi quaranta/cinquantenni che vanno a fare la corsetta ascoltandosi questi teneorini pop nazional popolari :D. Poi il testo, dai, è tremendo, ostentatamente sensazionalista. Poi li vedi sulle copertine dei rotocalchi (ops, che termine obsoleto… bè, dai, in linea con il genere) come se fossero super-fighi… bah, il mondo è bello perché varia, ma, per diamine, come nella musica, il bello è bello, il business è business.

  4. Non sono assolutamente d accordo sulla vittoria di questi tre elementi!
    Non erano adatti a Sanremo. Dato che cantavano sempre all’estero, perchè non ci sono rimasti?
    C’erano artisti molto più meritevoli di loro.
    Hanno un genere che non tutti ascolterebbero, se non i vecchi decrepiti che non hanno niente da fare a giornate.
    Ci toccherà subirli persino all’ Eurovision.
    Non capisco con quale criterio (e coraggio) li abbiano fatti vincere.
    Si chiamano “Il volo”? Ecco, che prendano il volo e non si facciano più vedere.

  5. Grandissimi ragazzi! Strameritavano di vincere secondo me. Anche se in effetti il genere musicale non è da radio, le critiche non hanno fondamento.
    Gio

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

banner
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Per maggiori informazioni clicca qui Privacy Policy e qui