Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!



[SANREMO 2016] La borsa di una donna – Noemi

SPIEGAZIONE

INTERPRETAZIONE #1
Noemi porterà al Festival di Sanremo 2016 il brano La borsa di una donna. “La borsa di una donna pesa come se ci fosse la mia vita dentro“: è il tema principale della canzone, che con le sue lunghe strofe cerca di far comprendere quanto si nasconda dietro alle apparenze della borsa di una donna, che sia elegante, classica o trasandata. Si nasconde un modo di essere, un modo di fare e un modo di pensare, estremamente diverso rispetto all’universo maschile: previsione, lungimiranza sulle piccole cose, a volte un po’ di paura da allontanare con l’appariscenza… Insomma, questo brano ci spiegherà, dal punto di vista di una donna, che cosa significhi esserlo.






“Sono molto contenta perché è un pezzo che rappresenta moltissimo tutto quello che ho cantato fino ad adesso, spero che vi piaccia. E’ un ritorno più classico ma in maniera elegante e forte. Spero che venga apprezzata la canzone. Volevo ringraziare tutti gli autori e l’orchestra. […] Cosa mi aspetto da Sanremo? Beh, oddio. Mi aspetto di divertirmi, di fare delle belle esibizioni e di dare la possibilità al mio progetto musicale e alla mia canzone di essere sentita da più persone possibili. […] Oltre all’uscita di questo singolo a febbraio uscirà il mio nuovo album, ne sentirete parlare. La borsa di una donna ha un testo che mi ha colpito al primo colpo. Mi sento donna ormai ed è una canzone che descrive le donne in maniera trasparente, ironica, realistica, mai cattiva, senza essere negativi. Una donna che oggi come oggi ha una vita molto piena: è madre, lavoratrice, attiva nella società e vita politica”.”.

A “Grazia“, Noemi ha raccontato di affrontare le prove che le riserva la vita grazie alla sua profonda fede. E che nella sua borsa porta non solo una pastiglia per il mal di testa, ma anche “un rosario, ma non uno di moda, comprato in boutique”. “Mi piace pregare – ha detto la cantante – è una forma di meditazione bellissima. Prego dappertutto, quando ne ho bisogno. Anche in treno. Ma lo faccio di nascosto. Infilo la mano nella borsa e sgrano il rosario. Non mi va che la gente mi guardi in un momento così intimo e mio”.

Vuoi dare anche tu una interpretazione diversa a questa canzone? Inviala a
significatocanzoni@gmail.com
la pubblicheremo a tuo nome oppure lascia semplicemente un commento in fondo al post.

TESTO

La borsa di una donna pesa come se ci fosse la sua vita dentro
Tra un libro che non vuole mai finire ed altri trucchi per fermare il tempo
C’è la sua foto di un anno fa che ha messo via perché non si piaceva
Ma a riguardarla adesso si accorge che era bella ma non lo capiva
La borsa di una donna riconosce le sue mani e solo lei può entrare
Nascosto in una tasca c’è quel viaggio che è una vita che vorrebbe fare
Milioni di scontrini, l’inutile anestetico del suo dolore
E stupidi sensi di colpa per quel desiderio di piacere
E se ci trovasse quei giorni
Di carezze fra i capelli
Lei per due minuti soli
Pagherebbe mille anni
Anni spesi per ritrovare
Le cose che qualcuno è riuscito a smarrire
La voglia di sorridere, di perdonare
La debolezza di essere ancora
Come la vogliono gli altri
La borsa di una donna non si intona quasi mai con quel che sta vivendo
Nasconde il suo telefono gelosa di qualcuno che la sta chiamando
Vicino alle sue chiavi la solita ossessione di scordarle ancora
E in quel disordine apparente la paura di restare sola
La borsa di una donna che può rivelare i suoi segreti in un momento
E forse nella tua distrattamente la sua vita c’è rimasta dentro
Tu che pensavi che ci fosse rimasto un po’ di spazio per un altro amore
Invece nella borsa di una donna non c’è posto per dimenticare, dimenticare…
E vai dove ti porta il cuore, si…
Un ritaglio dentro la patente
Ci sei stata mille volte ma
Non ci hai mai trovato niente
Niente che ti aiuti a capire
Il senso di una sera che non sa meravigliare
Il senso del tuo ricordare e progettare
Scordandoti di vivere adesso
Adesso che si alza un vento che spazza le nuvole
E che si porta via gli inverni
La polvere, i dubbi e i miracoli
Aspettati mille anni
Anni spesi per ritrovare
Le cose che qualcuno è riuscito a smarrire
La voglia di sorridere, di perdonare
La debolezza di essere ancora
Come ti vogliono gli altri
La borsa di una donna pesa come se ci fosse la mia vita dentro

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Per maggiori informazioni clicca qui Privacy Policy e qui