Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!



Octavarium – Dream Theater

 

SIGNIFICATO

INTERPRETAZIONE #1
Ultima e principale canzone dell’omonimo album, “Octavarium” dei Dream Theater è divisa in cinque capitoli, come se fossero cinque brani diversi, ma tutti concatenati tra di loro.

Primo capitolo: qualcuno come lui. La prima parte, preceduta da un’introduzione che presenta il tema principale presentato dal tipico timbro della lap-steel guitar), da tenere in mente perchè tornerà alla fine, presenta il primo dramma: l’identità. Il protagonista vede un modello di vita in un’altra persona, ma il suo pregiudizio lo blocca, tanto da farlo giurare che non avrebbe seguito la strada che gli si parava davanti. Allora prova a vivere utilizzando solo le sue forze, e quello che scopre è un continuo allargamento della sua visione fino alla domanda: quello che sto vivendo può davvero essere tutto quello di cui ho bisogno? Qui si chiude il primo capitolo: l’intuizione iniziale di una strada da percorrere lungo la vita era fondata perchè corrispondente con me stesso.

Secondo capitolo: medicazione e risveglio. Cosa succede quando la vita urge? Il protagonista è sul letto di un ospedale, apparentemente in uno stato di coma. L’unica richiesta che fa è di continuare a vivere, anche in quella situazione.




Terzo capitolo: il cerchio completo. Ecco la prima caduta: questo capitolo è confuso, compaiono molte cose, molti nomi e situazioni. Il protagonista è immerso nel vortice della vita, crede di aver capito tutto: nonostante si accorge di perdere alcune cose della vita continua a vivere in questo vortice indefinito e confuso.

Quarto capitolo: intervalli. Qui è presentato il titolo della canzone, l'”Octavarium”: è un insieme di otto regole da seguire per vivere. Il climax è ascendente: man mano che le regole scorrono il protagonista si scopre più bloccato in questo Octavarium, da lui stesso creato. Però in questa tragica Epifania (per dirla alla Joyce) accade la svolta: nelle sonorità metal sempre più pesanti si ripropone il tema iniziale, riconoscibile dal tipico suono della lap-steel guitar: il protagonista si ricorda dall’intuizione avuta all’inizio, e da lì può ripartire uscendo da questa prigione che si è creato nella vita.

Quinto capitolo: sull’orlo di un rasoio. La vita è sull’orlo di un rasoio: questa drammaticità è sempre in agguato, la vita non è risolta dopo l’intuizione. Per il protagonista questa è una fortuna, altrimenti la vita sarebbe piatta e priva di senso, figurato dalla sfera perfetta che si scontra con il nostro fato.

Vuoi dare anche tu una interpretazione diversa a questa canzone? Inviala a
significatocanzoni@gmail.com
la pubblicheremo a tuo nome oppure lascia semplicemente un commento in fondo al post.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Per maggiori informazioni clicca qui Privacy Policy e qui