SIGNIFICATO DELLE CANZONI Un'emozione da poco - Anna Oxa | IL SIGNIFICATO DELLE CANZONI
emozione_da_poco

Un’emozione da poco – Anna Oxa

WhatsAppShare




SCARICA SUBITO LA CANZONE DA ITUNES:

SIGNIFICATO

INTERPRETAZIONE #1 (Inviata da un nostro lettore)

L’ho sempre interpretata come una sorta di scontro caratteriale fra due persone: lui, il classico uomo tutto d’un pezzo che non deve chiedere mai, razionale e sicuro di sé (“…uno che non si è mai sentito finito che non ha mai perduto…”) lei, una donna fragile, ipersensibile, che vive d’emozioni, per la quale un’emozione che per gli altri è “da poco” è immensa per sé ( qui il testo è :”…per TE, per TE, una canzone mai una povera illusione un pensiero banale qualcosa che rimane invece per me, più che normale che un’emozione da poco mi faccia stare male una parola detta piano basta già…“). Se per lui una canzone è una cosa da niente, a lei fa muovere qualcosa dentro… E in questo scontro caratteriale, in cui lei probabilmente ama più di lui (“…dimmi, dimmi, dimmi che senso ha dare amore a un uomo senza pietà…”) lei sente anche di essere quasi un peso per lui (“…non vedo più a che punto sta la netta differenza fra il più cieco amore e la più stupida pazienza no, io non vedo più la realtà nè quanta tenerezza ti da la mia incoerenza pensare che vivresti benissimo anche senza…“).
E dell’impossibilità di questo amore è come se lei all’inizio della canzone ne prendesse all’improvviso coscienza: la ragione prende i posto dell’incoscienza.

Vuoi dare anche tu una interpretazione diversa a questa canzone? Inviala a
significatocanzoni@gmail.com
la pubblicheremo a tuo nome oppure lascia semplicemente un commento in fondo a questo post.


TESTO

C’è una ragione che cresce in me
e l’incoscenza svanisce e come un viaggio nella notte finisce
dimmi, dimmi, dimmi che senso ha
dare amore a un uomo senza pietà
uno che non si è mai sentito finito
che non ha mai perduto, mai per me, per me una canzone
mai una povera illusione un pensiero banale qualcosa che rimane
invece per me, più che normale
che un’emozione da poco mi faccia stare male
una parola detta piano basta già ed io non vedo più la realtà
non vedo più a che punto sta
la netta differenza fra il più cieco amore
e la più stupida pazienza no, io non vedo più la realtà
nè quanta tenerezza ti da la mia incoerenza
pensare che vivresti benissimo anche senza.
C’è una ragione che cresce in me e una paura che nasce
l’imponderabile confonde la mente
finchè non si sente e poi, per me più che normale
che un’emozione da poco mi faccia stare male
una parola detta piano basta già
ed io non vedo più la realtà non vedo più a che punto sta
la netta differenza fra il più cieco amore
e la più stupida pazienza no, io non vedo più la realtà
nè quanta tenerezza ti da la mia incoerenza
pensare che vivresti benissimo anche senza


WhatsAppShare

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>