not_dark_yet_bob_dylan

Not Dark Yet – Bob Dylan

SIGNIFICATO

INTERPRETAZIONE #1

Canzoni d’amore e di protesta era il titolo della seconda, felice opera di Stefano Rizzo che divulgava agli entusiasti cultori italiani, nel 1972, il verbo dell’opera dylaniana. E questa Not Dark Yet, giunta a noi da un’improvvisa interruzione del pensiero, Time Out of Mind, 1997, è un’ennesima, straordinaria variante su temi d’amore e di protesta: amore per tutti gli esseri umani e protesta per la loro comune condizione di sofferenza. Certo, nei versi struggenti di questo brano la sofferenza non è più soltanto la manifestazione di ingiustizie globali e sperequazioni sociali, come era in modo molto più diretto nelle canzoni di protesta del periodo giovanile. Qui la sofferenza è qualcosa di ben più radicale e definitivo, come il buio che ancora non è arrivato ma presto avvolgerà tutto:

Cadono le ombre, ed io sono stato qui l’intero giorno
Troppo caldo per dormire, e il tempo che rotola via 
La mia anima ora si è rivoltata in acciaio 
Ho ancora le cicatrici che il sole non ha rimarginato 
E neppure un posto per stare in un posto qualunque 
Buio non è ancora, ma presto lo sarà

Come tutte le testimonianze della poesia più ricca, i suoni e le emozioni si possono cogliere attraverso distinti livelli di lettura. Certamente questa è una canzone d’amore e di dolore, come tantissime altre dell’autore, con tutto lo scenario di richiami e rimandi che costituiscono la cifra del suo cantare: anime inaridite, gelide e ormai insensibili come l’acciaio, Feel like my soul has turned into steel, sulle quali stentano a ricomporsi le ferite del cuore, I’ve still got the scars that the sun didn’t heal; il mito di un ininterrotto viaggiare, del provinciale che tenta inutili percorsi d’istruzione nelle grandi città europee, Well, I’ve been to London and I’ve been to gay Paree; il fiume e il mare, metafore eterne dell’imponente trascorrere dell’umanità contro il proprio volere, I’ve followed the river and I got to the sea; l’affannarsi agitato e inconcludente che nasconde soltanto la nostra incapacità di scegliere davvero e di cambiare in modo definitivo, I know it looks like I’m moving, but I’m standing still… Un’apparente, indecifrabile, quotidiana storia di tradimento e delusione diventa il consueto pretesto dell’autore per raccontare se stesso, le sue meschinità, la sua e nostra difficoltà a vivere in armonia con il resto del mondo

Se vuoi leggere l’intero significato della canzone, ti invitiamo ad andare sul nostro sito partner:
http://www.fabiosroom.eu/it/canzoni/not-dark-yet

  1. Complimenti per aver rubato la mia interpretazione dal sito fabiosroom.eu, spacciandola addirittura per un contributo di un vostro lettore.

    • Buongiorno Giovanni,
      le possiamo assicurare che l’interpretazione ci è provenuta via mail tramite un nostro lettore, di cui se fosse il caso le possiamo pure dare nome, cognome e indirizzo mail.

      Se ci può contattare all’indirizzo significatocanzoni@gmail.com provvederemo a chiarire l’accaduto e a rimuovere l’interpretazione ed eventualmente contattare il nostro lettore.

      Cordiali saluti,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

banner
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Per maggiori informazioni clicca qui Privacy Policy e qui