moonlight (1)

Moonlight Shadow – Mike Oldfield ft. Maggie Reilly

SIGNIFICATO

INTERPRETAZIONE #1
Moonlight Shadow è sicuramente una delle canzoni più conosciute dell’ultimo mezzo secolo, anche a distanza di decenni è difficile trovare qualcuno che non l’abbia mai sentita nemmeno una volta, nonostante risalga al 1983 cioè quasi 35 anni fa! L’autore della canzone è Mike Oldfield, stimato e famoso musicista britannico, ma la canzone fu cantata dalla scozzese Maggie Reilly, nonostante inizialmente fu contattata la ben più famosa cantante Enya, che però per motivi di contratto fu costretta a rifiutare la proposta. Il successo ottenuto con Moonlight Shadows fu planetario, in particolare in Europa raggiunse quasi all’istante la vetta delle classifiche in Italia, Austria, Svizzera, Norvegia, Svezia, Olanda. Secondo molte fonti, pare che Oldfield abbia registrato la canzone strofa per strofa, arrivando dunque ad usare i vecchi registratori a nastri così frequentemente fino quasi ad usurarli.




Per chi non conosce bene l’inglese o si lascia semplicemente trasportare dalla musica, può pensare erroneamente che si tratti quasi di una canzone d’amore a causa della sua melodia molto semplice, in diversi punti molto dolce e orecchiabile, ma al contrario la canzone in questione parla di un omicidio! Il titolo della canzone è particolarmente difficile da rendere in italiano, anche se ormai quasi ufficialmente viene tradotto da chiunque con “L’ombra del chiar di Luna”. Mentre le strofe raccontano dunque una sorta di storia, durante la canzone viene ripetuta più volte la frase “Carried away by a moonlight shadow” che si potrebbe tradurre con “portato via da un ombra nel chiaro di luna” ad indicare una notte illuminata dalla luna in cui il protagonista viene rapito da un’ombra, un’ombra che probabilmente può essere vista come la morte. A prescindere da ciò che effettivamente voglia rappresentare l’ombra, abbiamo la certezza che si tratti un omicidio (e quindi di una morte) grazie alla frase “He was shot six times by a man on the run“, che dunque non lascia dubbi sull’omicidio di cui accennavamo poco sopra: “fu colpito sei volte (da sei proiettili) da un uomo in fuga“.




A causa del tema trattato in questa canzone, in quegli anni incominciò a diffondersi la voce che Oldfield facesse riferimento nel testo della canzone all’omicidio di John Lennon, avvenuto esattamente nel 1980 quando l’autore stava proprio componendo il testo in questione. Le modalità in cui venne ucciso Lennon e ciò che raccontava la canzone erano così simili che tutti effettivamente stavano incominciando a prendere per ufficiale questa interpretazione. Solo a quel punto Oldfield durante un’intervista smentì tutto quanto, affermando che argomento e periodo in cui fu scritta la canzone erano solo pure coincidenze: Oldfield infatti dichiarò che la principale ispirazione del brano fu il film Il mago Houdini, in cui il protagonista, interpretato da Tony Curtis tentava di contattare il celebre mago dall’aldilà. Tuttavia Oldfield ammise che al momento della composizione del brano si trovava a New York, negli stessi giorni dell’assassinio di Lennon, quindi probabilmente qualcosa è “trapelato” a livello inconscio. La credenza che il brano parlasse di Lennon può essere stata alimentata dal video musicale prodotto per Moonlight Shadow. Nel video infatti, Oldfield interpreta il ruolo di un uomo che viene ucciso da un colpo di pistola, durante un duello.

Vuoi dare anche tu una interpretazione diversa a questa canzone? Inviala a
significatocanzoni@gmail.com
la pubblicheremo a tuo nome oppure lascia semplicemente un commento in fondo al post.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

banner
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Per maggiori informazioni clicca qui Privacy Policy e qui